——– Che ci sarà mai così tanto da dire su ebay????? —–

 

Ok, non intendo parlare di ebay di quando sia nata e come sia nata. Del perchè e del come. Se state scaricando questi corsi e state vedendo i miei articoli, sarete già su ebay e ci starete forse già lavorando. Inoltre ci sono centinaia di articoli che già ne parlano, per cui io non mi dilungherò ulteriormente. Anche perchè, obiettivamente, non è che mi interessi più di tanto. Mi interessa lavorarci e sapere come funziona. Stop! Detto questo tutti quanti sappiamo gia qualcosina su come funzioni e quali siano le spese da affrontare. Non mi interessa nemmeno parlarvi delle % di commissioni e di tutte le tariffe previste per ogni tipologia di categoria o oggetto venduto. Se vi interessa questo argomento andatevi a spulciare questo link: http://pages.ebay.it/help/sell/businessfees.html

Quello di cui io vi voglio parlare è della mia esperienza personale . Di come abbia aperto un negozio. Di come lo abbia riempito di circa (attualmente 2 milioni di prodotti). Di come sia riuscito a trovare il metodo di inserimento di  5.000 inserzioni al giorno senza impazzire. E di come questo mi abbia permesso di avere una piccola rendita mensile che mi ha permesso di lasciare il mio lavoro offline per dedicarmi completamente a questo.

 

Vorrei aprire una piccola parentesi a tal proposito. In giro per la rete troverete decine di forum e blog (poi ve ne elencherò alcuni in un altro articolo) che non fanno altro che gettare discredito e fango sui maggiori marketplace mondiali (ebay ed amazon) lamentandosi di come questi bannino i venditori senza apparente motivo, abbiano delle regole a volte incomprensibili, abbiano insomma, il “coltello dalla parte del manico” e quindi a volte possano prendere decisioni sui venditori, poco logiche, se non addirittura (a detta loro) “davvero sconvolgenti”. Ma se guardiamo in profondità di queste lamentele si potrà notare come a volte sia una mancata comprensione degli accordi che loro hanno sottoscritto in maniera superficiale o di come abbiano sottovalutato alcune norme. E’ normale, che in quanto amazon ed ebay, gestiscano ognuno un portafoglio di migliaia di venditori sparsi nel mondo e milioni di clienti, debbano in qualche modo creare delle regole che vadano “bene x tutti” e non ledino la propria immagine. Motivo per cui negli ultimi anni sopratutto, con la crescita esponenziale del commercio elettronico, abbiano innalzato ulteriormente i controlli e la sicurezza nella gestione dei propri venditori. Il popolo italiano, si sa, oltre ad essere un popolo di grandi imprenditori e inventori, pensatori e filosofi, è anche un popolo di lamentosi e polemici, che non vedono l’ora di puntare il dito su qualche “lato oscuro” dei suddetti colossi. Io sono daccordo ad avere un occhio clinico e critico sulle cose, perchè il confronto ha sempre aiutato a crescere. Ma non ho bisogno di confrontarmi con chi si lamenta del fatto che ebay “ruba” il 10% delle commissioni sul prodotto che io ho venduto, perché vuol dire che non ha capito un’emerito BIP! e a me non interessa parlarci. Punto! Molto semplice. Perché a fronte di quelli che per loro sono PROBLEMI INSORMONTABILI io ho ben altri validi motivi che mi permettono di dire che comunque oggi devo dire grazie a ebay se oggi mi posso permette di vivere dignitosamente lavorando quanto e quando voglio io. Per questo motivo ti invito a leggere il prossimo articoloI NUMERI DI EBAY che parla proprio di questo..

 

_____________________

 

(PROX ARTICOLO)

Ma torniamo alle nostre famigerate spese.

Ebay si “ciuccia” dall’8 al 12% di commissione del tuo prodotto venduto. Questo significa che se per esempio tu vendi un prodotto di 100 euro ed ebay ha pattuito con te la % del 10%, a fine mese, ebay ti emette una fattura di 10 euro che tu dovrai pagargli tramite paypal.

Da cosa dipendono queste percentuali? Intanto dipendono dall’ammontare del prodotto venduto e poi dal tipo di merce. Ad esempio sulle automobili, sapendo che i margini sono bassi, arriva a chiedere anche solo il 2% (ma è anche vero che gli importi sono piu alti per singola vendita..). INoltre se sei venditore professionale e chiedi la “Fatturazione Fuori Campo Iva”, ebay ti addebita solo l’8% anziche il normale 10-11%.  (per fare ciò devi avere regolare partita iva – in ogni caso ti rimando all’articolo REQUISITI NECESSARI PER APRIRE UN NEGOZIO EBAY)

 

——-

(per avere una panoramica delle tariffe che applica ebay ai VENDITORI PROFESSIONALI da un’occhiata a questa pagina http://pages.ebay.it/help/sell/businessfees.html)   

——